Nuovi limiti per la radioattività nelle acque

Da marzo 2016 è legge anche in Italia il valore limite per la presenza di Radon nelle acque destinate al consumo umano (acque potabili, in bottiglia o usate nell'industria per la preparazione di alimenti).


radioIl Decreto Legislativo 15 febbraio 2016 n. 28, che recepisce la direttiva 2013/51/Euratom in materia, inserisce delle modifiche al Decreto 31/2001 relativamente ai valori di radioattività nelle acque.

Il decreto si applica alle acque destinate al consumo umano, fatta eccezione per le acque minerali naturali e le acque medicinali. Sono inoltre esentate le fonti che erogano ridotte quantità di acqua e che approvigionano un numero limitato di persone. Tuttavia, anche in questi casi è necessario che la popolazione sia informata di eventuali provvedimenti adottati per tutela dalla contaminazione e della possibilità di richiedere verifiche da parte delle autorità competenti.

 

I destinatari del presente decreto sono i gestori dei servizi idrici, definiti come coloro che forniscono a terzi acqua destinata al consumo umano mediante rete di distribuzione o chi fornisce a terzi acqua destinata al consumo umano attraverso cisterne o impianti idrici autonomi o anche chi confeziona acqua destinata al consumo umano in bottiglie o altri contenitori per la distribuzione a terzi. Sono comprese nella definizione anche le imprese alimentari che utilizzano acque derivanti da fonti proprie.

 

Tali gestori saranno sottoposti a due ordini di controlli. Controlli esterni, da parte delle aziende sanitarie locali territorialmente competenti o da altri enti pubblici competenti a svoltere tali controlli, e controlli interni, effettuati a cura del gestore stesso in concerto con l'ente pubblico competente. È comunque necessario che i controlli interni ed esterni siano effettuati da laboratori diversi.

 

Secondo l'articolo 8, inoltre, a breve sarà emanato un decreto del Ministro della salute con specifiche indicazioni operative a carattere tecnico-scientifico che garantiranno uniformità e coerenza di applicazione delle nuove norme nel territorio nazionale.

 

In base a quanto sancito dal decreto, i valori di parametro sono fissati a 100 Bq/L per il Radon e 100 Bq/L per il Trizio. La Dose Indicativa (DI), cioè la dose efficace impegnata per un anno di ingestione (valore da cui sono esclusi il Trizio, il Potassio 40, il Radon e i suoi prodotti a vita breve), ha il valore di parametro fissato a 0,10 mSv.

 

Il valore di parametro è, da decreto, quello con cui va confrontata la media annuale; in caso di superamento è necessario valutare se si configuri una situazione di rischio.

Qualora un controllo esterno accerti un superamento dei valori di parametro, si dovrà intervenire a tutela della popolazione in un tempo commisurato all'entità del superamento e comunque entro 6 mesi.

 

In aggiunta al valore di parametro, si stabilisce anche un livello di riferimento per il Radon a 1000 Bq/L, oltre il quale è necessario adottare provvedimenti correttivi e misure cautelative, senza necessità di ulteriori considerazioni.

 

Per l'esecuzione delle analisi è necessario rivolgersi a laboratori che adottino un sistema di qualità conforme a una norma tecnica approvata e pubblicata da un organismo internazionale.

 

I gestori di servizi idrici che dovessero risultare inadempienti per i controlli previsti, sono soggetti a severe sanzioni.

News

Recepita Direttiva 2013/35/UE sui Campi Elettromagnetici
Il 28 luglio è stata finalmente recepita in Italia la Direttiva Europea 2013/35/UE riguardante le "disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici)". Read More...
Nuovo D.Lgs. 159/2016: campi elettromagnetici sul lavoro
È stato pubblicato il 18 agosto scorso il Decreto Legislativo 1 agosto 2016, n. 159 recante titolo "Attuazione della direttiva 2013/35/UE sulle disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici) e che abroga la direttiva 2004/40/CE". Read More...
Nuovi limiti per la radioattività nelle acque
Da marzo 2016 è legge anche in Italia il valore limite per la presenza di Radon nelle acque destinate al consumo umano (acque potabili, in bottiglia o usate nell'industria per la preparazione di alimenti).
Approvato il decreto per le linee guida sui valori di assorbimento dei campi elettromagnetici da parte degli edifici
Approvato, a firma del Ministro dell'Ambiente Galletti, il decreto ministeriale concernente le linee guida per la determinazione dei valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici. Read More...
IMAGE
Pubblicato l'aggiornamento delle linee guida sulle Fibre Artificiali Vetrose
La Conferenza Stato-Regioni, nella seduta del 10 novembre scorso, ha approvato l'aggiornamento 2016 delle "Linee guida per l'applicazione della normativa inerente ai rischi di esposizioni e le misure di prevenzione per la tutela della salute" in materia di Fibre Artificiali Vetrose (documento scaricabile qui. Read More...
Nuove norme per il gas Radon nella Regione Puglia
Con la legge regionale 30 del 3 novembre 2016, la Regione Puglia ha fissato nuove e più restrittive norme per la riduzione dell'esposizione al gas Radon negli edifici, in riconoscimento della pericolosità di tale gas (secondo responsabile di tumore al polmone dopo il fumo) e della necessità di prevenirne l'accumulo negli ambienti di vita e lavoro. È quindi ora obbligatorio, per gli edifici presenti nel territorio della Regione, adeguarsi alle nuove norme, pena la... Read More...

Login

Formazione

Formazione lavoratori 2018