Sopravvivenza COVID 19 sulle superfici

Il COVID sopravvive per giorni sulle superfici

La sanificazione delle superfici

Le recenti disposizioni di legge impongono che sia aumentata la frequenza di tutte le operazioni di sanificazione finalizzate al contenimento del contagio da Coronavirus. Negli esercizi commerciali, negli uffici, nei negozi, nei ristoranti, negli alberghi e in molti altri luoghi deve essere assicurata la sanificazione periodica dei locali, degli ambienti, delle postazioni di lavoro, di altre aree. Va inoltre prevista la sanificazione delle superfici e degli articoli in vendita.

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità e secondo molti studi sui coronavirus il tempo di sopravvivenza di questi patogeni sulle superfici oscilla da poche ore fino ad alcuni giorni  in dipendenza del materiale interessato, della concentrazione, della temperatura e dell’umidità.

Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la trasmissione delle infezioni da coronavirus, incluso il SARS-CoV-2, avviene attraverso droplets, goccioline di diametro ≥ 5 μm che originano dagli atti del respirare, parlare, tossire e starnutire. Per le loro dimensioni i droplets viaggiano nell’aria per brevi distanze e possono quindi depositarsi nelle immediate vicinanze su oggetti o superfici che diventano quindi fonte di diffusione del virus. Infatti, in questo caso, mani che sono venute in contatto con gli oggetti così contaminati possono costituire veicolo di trasmissione per contatto indiretto quando toccano bocca, naso e occhi.

Sanificare le superfici e gli oggetti è un’efficace mezzo per combattere il COVID-19

In considerazione della potenziale capacità del virus SARS-CoV-2 di sopravvivere sulle superfici, è buona norma procedere frequentemente e accuratamente alla sanificazione (pulizia e/o disinfezione) delle superfici, operazioni che devono essere tanto più accurate e regolari per superfici ad alta frequenza di contatto (es. maniglie, superfici dei servizi igienici, superfici di lavoro, cellulare, tablet, PC, occhiali, altri oggetti di uso frequente). Anche i vestiti, e gli oggetti in vendita devono essere sanificati se sono soggetti ad essere toccati da più persone o ad essere toccati da mani non disinfettate.

Ecco perché è necessaria una regolare sanificazione dell’aria, degli ambienti, delle superfici e degli oggetti con prodotti di comprovata efficacia virucida.

I prodotti e le procedure da utilizzare e le corrette modalità di impiego del prodotto usati per la sanificazione devono essere attentamente valutati prima dell’impiego, per tutelare la salute sia degli utilizzatori stessi che dei lavoratori addetti e di qualsiasi persona che accederà alle aree sanificate.

Per i rischi per il pubblico e per l’operatore derivanti dall’applicazione di prodotti di principi attivi ad azione virucida, l’utilizzo di particolari prodotti disinfettanti è riservato ai soli operatori professionali, qualificati ai sensi del DM 274/97.

Laborad con i suoi tecnici esperti in sanificazioni ambientali ed alla sua squadra di biologi, chimici ed ingegneri, saprà garantire il miglior processo di sanificazione in ogni ambiente.